KRISIS @ bruno. Venezia. 22.03.2014

Posted in events on March 17th, 2014 by admin
Tags:

flyer_krisis_rosso

KRISIS @ bruno
Esposizione e presentazione di Krisis | Orientation

Mostra
22.03.2014 — 29.03.2014
Tuesday – Friday h 10 — 19
Monday + Saturday h 15 — 19

Inaugurazione
22.03.2014 / h 18 — 20

Chiusura
29.03.2014 / h 18 — 20

C\o bruno
dorsoduro 1621/A,
calle dell’Avogaria
30123 – Venezia

Krisis | Orientation è dedicato alla crisi dei modelli orientativi e al crescente senso di disorientamento. Da sempre l’uomo ha cercato di costruire un proprio orientamento all’interno del mondo che abita. La complessità della realtà e l’immensa quantità di stimoli a cui siamo sottoposti richiede una costante selezione di informazioni ritenute utili: la costruzione dell’orientamento è dunque un’attività principalmente eliminativa. Questa operazione di framing della complessità è stata veicolata nel tempo dal linguaggio lineare (sotto forma di narrazioni e miti), da sistemi di classificazione (prevalentemente di tipo tassonomico), da rappresentazioni grafiche (atlanti, guide e mappe), ecc. Nel corso degli ultimi decenni questi modelli sono entrati in crisi: il crollo delle grandi narrazioni preclude la costruzione di un immaginario collettivo condiviso, i sistemi di classificazione dinamica rendono obsoleti i modelli tassonomici, gli atlanti e le guide stanno lasciando il posto a sistemi di navigazione on demand.
La crisi dell’orientamento nasce dalla complessità delle correlazioni tra numerose emergenze diverse, il cui effetto più visibile è una complessiva tendenza alla frammentazione, alla individualizzazione, alla selezione, alla separazione, alla monetarizzazione del contesto sociale e ambientale. I paradigmi di orientamento diventano circoscritti, limitati, incapaci di costruire visioni ampie e condivise. L’accelerazione progressiva dei fenomeni limita la capacità di produrre orientamento dall’esperienza vissuta e accresce la necessità di informazioni e indicazioni provenienti dall’esterno.
In questo scenario diventa cruciale ripensare al disorientamento come un’esperienza che possa essere una fonte di rinnovamento per nuove pratiche d’orientamento.